Logo Ao San PaoloAzienda ospedaliera San PaoloPolo universitario
Domenica 21 Dicembre 2014
Benvenuto
Regione Lombardia
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudiní, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 04444150157   
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- U.R.P. e U.P.T.
- Ufficio Comunicazione Aziendale ed Esterna
Prevenzione della corruzione e trasparenza
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Centro unico di prenotazione SanitamilanoCentro unico di prenotazione Sanitamilano
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
Diritti e doveri dei cittadini-utenti
Il paziente ha il diritto
  • ad essere assistito e curato con premura e attenzione, senza discriminazioni di genere, nel rispetto della dignità umana, della cultura di appartenenza e dei propri diritti e convinzioni politiche e religiose;

  • ad essere sempre individuato con il proprio nome e cognome e ad essere interpellato con il "Lei";

  • ad ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni erogate, alle modalità di accesso e a poter identificare le persone che lo hanno in cura;

  • ad ottenere informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi;

  • a ricevere, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, le notizie che gli permettano di esprimere un consenso informato prima di essere sottoposto a terapie o interventi. Dette informazioni debbono concernere anche i possibili rischi o disagi conseguenti al trattamento;

  • ad essere informato sulla possibilità di indagini e trattamenti alternativi, anche se eseguibili in altre strutture;

  • ad ottenere che i dati relativi alla propria malattia e ad ogni altra circostanza che lo riguardi, rimangano riservati;

  • alla presenza continua di un parente per i degenti di età superiore ai 65 anni e della presenza continua di un genitore per i bambini;

  • ad esporre reclami o segnalazioni che debbono essere sollecitamente esaminati, e ad essere tempestivamente informato sull'esito degli stessi.


  • Il paziente ha il dovere
  • di tenere un comportamento responsabile in ogni momento, nel rispetto e nella comprensione dei diritti degli altri malati, con la volontà di collaborare con il personale sanitario;

  • di informare tempestivamente i sanitari sulla propria intenzione a rinunciare, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate affinché possano essere evitati sprechi di tempo e risorse;

  • di rispettare gli ambienti, attrezzature e arredi che si trovano all'interno della struttura ospedaliera, ritenendo gli stessi patrimonio di tutti e quindi anche propri;

  • di rispettare gli orari di visita dei pazienti stabiliti dalla Direzione Sanitaria, al fine di permettere lo svolgimento della normale attività assistenziale e favorire la quiete e il riposo degli altri pazienti;

  • di evitare qualsiasi comportamento che possa creare situazioni di disturbo o disagio agli altri degenti.

  • di informare il personale riguardo eventuali spostamenti all'interno dell'ospedale.


  • La DONNA in gravidanza ha diritto...
  • alla riservatezza e al riconoscimento della propria dignità;
  • se immigrata senza permesso di soggiorno, a non essere espulsa dal Paese fino a sei mesi dopo il parto; il permesso di soggiorno può essere richiesto presso la questura competente presentando un certificato che attesti lo stato di gravidanza e la data presunta del parto;
  • a vivere il parto come un evento fisiologico e non come una patologia, nel rispetto della propria cultura;
  • ad usufruire di tecniche di parto aggiornate e, compatibilmente con le indicazioni cliniche e con la disponibilità della struttura ospedaliera, alla scelta della particolare tecnica di parto a cui sottoporsi;
  • ad effettuare gratuitamente i controlli previsti dalla normativa vigente;
  • a fruire della presenza di almeno una persona di sua fiducia al momento del parto e nei momenti successivi alla nascita;
  • a ricevere le visite dei figli anche se minori di dodici anni;
  • a tenere con sé il neonato al fine di agevolare l’allattamento materno e la continuità del rapporto madre-bambino;


  • ...e in base alla Legge Italiana

  • ad essere informata sui propri diritti e sulle possibilità di fruire dei servizi territoriali e del supporto di associazioni a sostegno della famiglia;
  • di riconoscere il minore presso l’ospedale in cui è nato entro tre giorni dalla nascita oppure entro dieci giorni presso il comune di nascita dello stesso o presso il comune di residenza della madre (legge 127/97); in particolare, se la madre ha meno di sedici anni, il riconoscimento è rinviato fino al compimento del sedicesimo anno e nel frattempo il Giudice Tutelare nomina un Tutore provvisorio per il bambino (in assenza di padre maggiore di 16 anni);
  • di non riconoscere il neonato dichiarando di non voler essere nominata nell’atto di nascita e di essere informata di tutte le procedure conseguenti;
  • di interrompere volontariamente la gravidanza nei limiti previsti dalla Legge (legge 194/78); in caso di minorenne è richiesto l’assenso dell’esercente della patria potestà o la tutela. In casi particolari l’autorizzazione viene fornita dal Giudice Tutelare;
  • di essere tutelata dal segreto professionale per ogni scelta intrapresa(legge 184/83).


  • Il BAMBINO ricoverato ha diritto...
  • alla presenza costante di almeno uno dei genitori, nel rispetto delle esigenze organizzative del reparto;
  • ad avere spazio interno per lo studio, la socializzazione ed il gioco;
  • ad avere collegamenti con la scuola se si tratta di una degenza prolungata;
  • ad essere tutelato con l’intervento del Giudice minorile, nel caso in cui l’esercente la potestà tutoria neghi il consenso ad attività diagnostiche, terapeutiche o assistenziali ritenute necessarie per la vita del minore;
  • se non riconosciuto alla nascita, a tutte le procedure per aprire immediatamente un procedimento di adottabilità;
  • se clandestino e in gravi condizioni di salute ad avere un’autorizzazione da parte del Tribunale per i Minorenni a permanere con la presenza di un familiare sul territorio italiano per un periodo di tempo determinato; di essere aiutato, se in difficoltà, attraverso un progetto di sostegno.
  • Navigazione Carta dei servizi
    Presentazione della struttura Informazione servizi Standard di qualità Tutela
    - Ospedale San Paolo
    - I principi fondamentali
    - Dove siamo
    - Organigramma
    - Piantina Ospedaliera
    - Ricovero
    - Day hospital/Day surgery
    - Emergenza/Urgenza
    - Vita in Ospedale

    - Prenotazione visite
    - Tempi di attesa

    - Area a pagamento
    - Servizi a voi dedicati
    - Altri servizi
    - Sul territorio
    - Utenza straniera
    - Standard di qualità
    - Progetti aziendali
    - Diritti e doveri
    - Ufficio Relazioni con il Pubblico
    - Ufficio di Pubblica Tutela
    - Comitato etico
    - Volontariato

    Scarica .pdf Scarica .pdf Scarica .pdf Scarica .pdf

    Introduzione

    Informativa sulla privacy - Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 
    Link > Università degli Studi di Milano
    Regione Lombardia
    ASL Milano
    Health Promotion Hospital
    Intranet Aziendale
    Admin
    Unimi
    Regione Lombardia
    Regione Lombardia
    Health Promoting Hospital
    Intranet Aziendale