Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Curarsi con noi 
- Per le emergenze
- Specialità cliniche e servizi
- Prenotazione on-line
- Area a pagamento
- Centro salute e ascolto donne immigrate
- Giornale Aziendale
- Progetto DAMA
- Tutela del cittadino
- Privacy
- La Ricerca
- I nostri Centri di Eccellenza
- Attività Multidisciplinari
- Prontuario Terapeutico
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
Home > Specialità cliniche e servizi > Maxillo-Facciale > Le paralisi facciali: Paralisi recenti

Maxillo-Facciale
Le paralisi facciali: Paralisi recenti

La paralisi facciale più frequente è quella "a frigore", termine improprio perché inizialmente si pensava fosse causata dal freddo.

Attualmente l'ipotesi più accreditata è quella di un'infezione virale che colpisce il nervo e si parla pertanto di paralisi di Bell, dal nome del medico che per primo l'ha descritta.

Il paziente viene generalmente trattato con farmaci cortisonici ed antivirali ma sicuramente il miglior medico è il tempo!
Infatti la maggior parte di queste paralisi regredisce spontaneamente nell'arco di alcune settimane o mesi, anche se talvolta con qualche reliquato (sincinesie, ipertono di base, riduzione di alcuni movimenti facciali).

Altre volte le paralisi sono presenti alla nascita o possono essere conseguenti a traumi, tumori, interventi chirurgici (ad esempio per neurinoma del nervo acustico o per tumori della parotide), etc..

In caso di lesione certa del nervo, questo viene riparato immediatamente attraverso un intervento chirurgico. In questo caso vengono ricollegati al microscopio i due segmenti del nervo facciale sezionati.
Quando ciò non è tecnicamente possibile si utlizza come fonte di energia un ramo del nervo facciale dal lato contrario alla paralisi (metodica detta cross-face) oppure il nervo deputato a comandare i movimenti di chiusura della bocca (metodica detta anastomosi masseterino - facciale). E' oramai raro che si scelga come fonte motoria il nervo ipoglosso, in quanto i deficit conseguenti al suo utilizzo non sono trascurabili.

Torna all'elenco dei reparti
prof. Laura Strohmenger
prof. Federico Biglioli
Per saperne di più
-Dati generali
-Introduzione
-Paralisi recenti
-Paralisi non recenti


Centro Regionale per le Labio-Palato-Schisi
Centro Regionale per le Labio-Palato-Schisi
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 825 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin