Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Curarsi con noi 
- Per le emergenze
- Specialità cliniche e servizi
- Prenotazione on-line
- Area a pagamento
- Centro salute e ascolto donne immigrate
- Giornale Aziendale
- Progetto DAMA
- Tutela del cittadino
- Privacy
- La Ricerca
- I nostri Centri di Eccellenza
- Attività Multidisciplinari
- Prontuario Terapeutico
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
Home > Specialitā cliniche e servizi > Otorinolaringoiatria > Chirurgia nasale e nasosinusale

Otorinolaringoiatria
Chirurgia nasale e nasosinusale

Toilette del naso:
Lavaggi nasali con soluzione fisiologica o simili: almeno 4 volte al giorno in ciascuna narice; utilizzare soluzione fisiologica e siringhe da 5-10 cc oppure dispositivi analoghi secondo indicazione medica. I prodotti spray non dispongono tuttavia di un’energia meccanica sufficiente per garantire una buona toilette nel post operatorio. In caso di utilizzo di prodotti commerciali con dispositivo a caduta, appendere la sacca allo specchio o alla parete del bagno e appoggiare l'oliva che si trova al termine del tubicino direttamente alla narice in modo da lavare bene il naso tenendo la testa inclinata in basso.
Oli emollienti: tenendo la testa inclinata lateralmente sistemare ½ contagocce di prodotto nel naso, senza inspirare né deglutire. Restare fermi per 30-60 secondi quindi asciugare la quantità di prodotto che fuoriesce dal naso. 3 volte al giorno in entrambe le narici.
Creme antibiotche: applicare una piccola quantità di crema subito all'interno della narice con le dita, senza spingersi in profondità e inspirare delicatamente con il naso, salvo controindicazione medica massaggiare delicatamente dall’esterno. 3 volte al giorno in entrambe le narici.
In caso di dolore preferire la terapia antidolorifica consigliata dal personale medico, solitamente a base di paracetamolo/codeina. Evitare l’utilizzo di aspirina e FANS (ketoprofene, ibuprofene, ecc.) in quanto possono favorire il sanguinamento.

Norme generali di comportamento:
Evitare di soffiare il naso, cercare di starnutire a bocca aperta, evitare sforzi fisici, evitare viaggi in aereo oppure in treno intercity o ad alta velocità per un mese dalla data di dimissione; mantenere una dieta morbida e tiepida fino almeno al primo controllo. Fumo e alcoolici sono caldamente sconsigliati.
Il riposo domiciliare è tassativo per la prima settimana dopo l’intervento. Tutti gli sforzi fisici – compresi quelli di piccola entità – devono essere evitati nelle prime due settimane.

Decorso postoperatorio:
Sebbene si tratti di interventi generalmente poco dolorosi, è buona norma tenere a disposizione la terapia antidolorifica al bisogno prescritta alla dimissione. È sempre consigliabile ottenere un buon controllo del dolore già nella sua fase iniziale (mal di testa, mal di gola, dolore alla piramide nasale dopo rinosettoplastica).
È necessario ricordare che il naso non risulta mai libero dopo l’intervento e la rimozione dei tamponi. A causa della normale infiammazione dei tessuti legata all’intervento, nella maggioranza dei casi nella prima settimana dopo l’intervento la percezione della propria respirazione nasale sarà simile a quella che si ha durante un raffreddore. La congestione migliora al passare dei giorni, attenuandosi al termine della prima settimana e raggiungendo un’ottima qualità dopo 30 giorni dall’intervento.
In caso di interventi rivolti alla piramide nasale (es. rinosettoplastiche funzionali o riduzione di fratture) è normale la comparsa di ecchimosi sotto gli occhi e di una modesta iniziale tumefazione della piramide nasale.

Possibili problematiche:
Dopo chirurgia del naso e dei seni paranasali possono verificarsi sanguinamenti di lieve entità. In tal caso si consiglia di rimanere calmi, seduti con il capo chino in avanti per evitare di deglutire il sangue, tenere chiuso il naso ben stretto tra pollice e indice per 5 minuti interi, tenendo del ghiaccio avvolto in un panno sulla nuca e alternativamente sulla fronte; in caso di persistenza del sanguinamento ripetere una seconda volta il procedimento. In caso di mancato miglioramento o di sanguinamenti di grossa entità si consiglia l’accesso al pronto soccorso. È buona norma ricordare che una scrupolosa osservanza delle norme post operatorie riduce in modo notevole le possibilità di sanguinamento.

Torna all'elenco dei reparti
Prof. Giovanni Felisati
Prof. Giovanni Felisati
Per saperne di più
-Dati generali
-Il Personale
-Offerta sanitaria
-Aree di particolare interesse
-Informazioni utili
-Norme post operatorie
-Attivitā didattica e ricerca


Sentire e crescere onlus
Sentire e crescere Onlus - Aiutiamo insieme i bambini con deficit dell'udito

Centro Regionale per le Labio-Palato-Schisi
Centro Regionale per le Labio-Palato-Schisi
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 2454 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin