Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
LA CERTIFICAZIONE JOINT COMMISSION INTERNATIONAL - LA QUALITÀ DEL SERVIZIO PRESTATO IN OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE
E’ fonte di soddisfazione per la Azienda Ospedaliera San Paolo avere ottenuto la certificazione di qualità per il servizio di Ospedalizzazione Domiciliare di Cure Palliative Oncologiche, che afferisce alla U.O. Oncologia Medica diretta dal Prof. Paolo Foa. Un doveroso e sentito plauso da parte della Azienda a medici e infermieri della Struttura Semplice di Cure Palliative, al coordinatore infermieristico, Sig.ra Giuseppina Coraci e al responsabile della Struttura Semplice, Dott.ssa Laura Piva, che si sono tenacemente impegnati per adeguare il proprio operato agli standard Joint Commission. La soddisfazione aziendale è accresciuta dal fatto che la certificazione è stata, per la prima volta in Europa, concessa ad un servizio domiciliare.

Una breve storia dell’accreditamento
Alla fine del 2006, nel corso della sperimentazione del protocollo di Ospedalizzazione Domiciliare, iniziato nel Marzo 2005, il gruppo di lavoro delle 7 équipe di Ospedalizzazione Domiciliare che afferiscono a 7 ospedali di Milano (A. O. Istituti Clinici di Perfezionamento; A.O. San Paolo; A. O. Fatebenefratelli; IRCCS Istituto Tumori A. O. San Carlo, A. O. Sacco; A. O. Cà Granda Niguarda) ha valutato l’opportunità di implementare un percorso di miglioramento della qualità della assistenza, secondo gli standard Joint Commission International (JCI) previsti per la certificazione di specifici percorsi di cura. Perché richiedere la Certificazione? L’obiettivo della Certificazione è quello di dimostrare che i servizi erogati posseggono i requisiti che ne definiscono il livello di qualità.

La Certificazione della JCI, dunque, consiste nel riconoscimento, alla struttura che volontariamente la richiede, che i programmi per la cura e l’assistenza ai malati di patologie croniche rispondano a determinati standard organizzativi che esprimono le migliori condizioni di cura e impiego delle risorse da realizzare. Gli standard si riferiscono ai processi che devono essere messi in atto in un’organizzazione al fine d’incrementare la qualità dell’assistenza. Attraverso la certificazione si assicura, ai pazienti anzitutto, ma anche ai referenti istituzionali e in generale alla opinione pubblica, che il programma di cura adottato per le cure palliative oncologiche domiciliari è guidato da criteri scientifici oltre che da criteri di natura qualitativa che pongono il cittadino al centro della attività assistenziale. La certificazione, inoltre, impone una continua implementazione.

Si devono programmare diverse fasi di realizzazione del progetto, finalizzate al miglioramento della qualità del servizio erogato per conseguire la certificazione JCI. Dopo 2 visite dei revisori, il servizio di Ospedalizzazione Domiciliare ha ricevuto la certificazione di qualità del proprio operato nel Maggio 2009. Per mantenere la certificazione, è necessario continuare ad implementare il servizio e, dunque, attualmente sono in corso procedure di miglioramento ulteriore della qualità del servizio in vista della verifica che avverrà fra 18 mesi.

Il servizio di Ospedalizzazione Domiciliare
La Ospedalizzazione Domiciliare del San Paolo è un servizio della Regione Lombardia che in una ottica di continuità di cura – dalle cure attive a quelle palliative- assicura la gestione domiciliare del paziente nel periodo terminale, quando cioè lo stesso non necessita più di terapia antiblastica specifica e richiede assistenza esclusivamente per il controllo dei sintomi fisici e psicoemozionali, per il mantenimento della migliore qualità di vita possibile, per perseguire una morte dignitosa nonostante non vi siano più trattamenti efficaci conosciuti per prolungare la sopravvivenza.

Il servizio garantisce al paziente e alla sua famiglia l’assistenza e la competenza nello specifico campo delle cure palliative e della terapia del dolore, attraverso l’opera di professionisti sanitari particolarmente esperti e motivati.. Nella loro attività quotidiana, questi operatori sanitari armonizzano efficacemente una solida professionalità ad una profonda disponibilità umana che rende meno straziante per il malato e per la famiglia, la tragica esperienza della fine di una vita.

LA JOINT COMMISSION INTERNATIONAL
La Joint Commission International è la divisione internazionale della Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizzation, un’organizzazione indipendente, non governativa e non profit, che opera negli Stati Uniti fornendo programmi di certificazione, finalizzati al miglioramento continuo della Qualità, a soggetti coinvolti nella prestazioni di servizi e cura nel campo sanitario.

GLI STANDARD
Ogni standard è articolato in elementi misurabili che indicano cosa e come operare. Si tratta di 30 standard per 150 elementi misurabili. Gli standard sono classificati in famiglie di riferimento: erogazione delle cure cliniche, misure di performance, partecipazione dei pazienti ai programmi di cura, gestione dei programmi di cura, gestione delle informazioni cliniche. Per ottemperare agli standard è necessario sviluppare politiche e programmi operativi, definire protocolli, rivedere procedure, formare il personale, monitorare con indicatori quantitativi le attività e i risultati.

COME SI ACCEDE AL SERVIZIO
1.Segnalazione da parte di un reparto ospedaliero San Paolo, di utenti/familiari, di medici di medicina generale, di servizi sociali...
2. Colloquio di valutazione con un familiare referente, consegna di opuscolo informativo sul servizio e lettera per il MMG
3. Raccolta dati relativi al paziente e alla famiglia e compilazione di cartella clinica
4. Accettazione di presa in carico e assegnazione di un infermiere e di un medico al paziente
5. 1 visita congiunta di medico e infermiere entro 24-72 ore
6. Compilazione e firma da parte del paziente di consenso informato alla assistenza
7. Compilazione di foglio visita da parte degli operatori sanitari, di cui una copia resta al domicilio del paziente
8. Consegna di materiale informativo alla famiglia sui rischi che possono essere evitati durante una assistenza
9. Inizio assistenza secondo la intensità assistenziale necessaria decisa nella riunione settimanale della équipe

FASI DEL PROGETTO
1 - costituzione di gruppi di lavoro per area di standard (procedure infermieristiche, gestione documentazione clinica, ..) per valutare la congruenza delle attività svolte con gli standard internazionali e per implementare in ciascuna area gli opportuni standard di miglioramento;
2 - valutazione delle prassi e verifiche sul campo della qualità e dell’omogeneità dell’attività svolta;
3 - individuazione delle modalità di adeguamento agli standard;
4 - individuazione di un set di indicatori per la valutazione di 4 aree: sui processi clinici, sulla soddisfazione degli utenti, sullo stato di salute e sui costi di produzione;
5 - formalizzazione dei criteri di raccolta e trasmissione dei dati e delle informazioni;
6 - formalizzazione di un report di sintesi, monitoraggio e trasmissione dello stesso alle UCP;
7 - predisposizione continua di piani di miglioramento sulle aree di maggiore criticità.

L'OPERATIVITÀ DEL SERVIZIO
1 - N visite/settimana/paziente: >3
2 - Reperibilità continua 24 ore- /24 per 365 gg/anno (diurna: medico e infermiere;notturna: medico)
3 – Possibilità di contatto telefonico continuo diurno e notturno con un operatore
4 – A domicilio: prelievi ematochimici, fleboclisi, medicazioni di ferite e decubiti , paracentesi a domicilio
5 – Insegnamento sanitario
6 – Presenza domiciliare di volontari di compagnia, selezionati dopo un corso di qualificazione
7 – Supporto psicologico per il malato e la famiglia, se richiesti
8 – Supporto spirituale per il malato e la famiglia, se richiesti
9 - Consegna gratuita domiciliare dei farmaci di cure palliative
10 - Consegna gratuita domiciliare di presidi e ausilii (sedia a rotelle, letto articolato ospedaliero, materasso antidecubito,..)

U.O. di Cure Palliative dell’Azienda Ospedaliera San Paolo - Polo Universitario

Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 1157 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin