Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
LA SETTIMANA NAZIONALE DELLA TIROIDE AL SAN PAOLO
Il 19 marzo si è conclusa “la settimana nazionale della tiroide”, promossa dal Club delle UEC, Società scientifica italiana alla quale fanno riferimento le più importanti Unità di Chirurgia Endocrina in Italia. L’iniziativa, dal 15 al 19 marzo, è consistita nell’erogazione di visite specialistiche ambulatoriali ed esame ecografico del collo gratuiti, mirati al controllo della tiroide. Il razionale dell’evento è basato sul fatto che la patologia nodulare tiroidea ha un’elevata incidenza nella popolazione generale, con un incremento osservato negli ultimi anni nella frequenza del tumore a carico di questa ghiandola. L’Italia è considerata un’area endemica per la patologia gozzigena, con una recente stima di 7.000.000 individui affetti da patologia tiroidea e di 9.000 nuovi casi all’anno di carcinoma tiroideo diagnosticati nella nostra nazione. Il sesso maggiormente interessato dalle malattie di questa ghiandola è quello femminile, con un rapporto donna uomo di 7 a 1.

Un’altra considerazione è che la tiroide è un organo facilmente valutabile, sia clinicamente che mediante un esame strumentale non invasivo, quale l’ecografia. Proprio partendo dalle suddette premesse, è stata organizzata questa settimana a livello nazionale. A Milano ha aderito all’iniziativa l’Azienda Ospedaliera San Paolo, coinvolgendo i chirurghi endocrini esponenti del Club delle UEC, Prof. A. Bastagli (Direttore dell’U.O. di Chirurgia III) e Dott.ssa L. De Pasquale (Dirigente medico della U.O. di Chirurgia III) con i quali hanno collaborato l’endocrinologo Dott.ssa A. Masu (Dirigente medico della U.O. di Medicina II – Direttore Prof. A. Pontiroli) ed il radiologo Dott. G. Pompili (Dirigente Medico dell’U.O. di Radiologia Diagnostica ed Interventistica – Direttore Prof. G.P. Cornalba).

Le visite previste sono state erogate in cinque giornate, dalle 8:30 alle 12:30. Tutti i pazienti sono stati valutati con un’anamnesi mirata alla ricerca di familiarità e di sintomi attribuibili a patologia tiroidea, con un esame obiettivo del collo ed un’ecografia. Complessivamente sono stati visitati 124 pazienti, con una media di 24.8 visite al giorno. Si è trattato 97 femmine (78.2%) e 27 maschi (21.8%). La distribuzione per fascia di età è stata la seguente: un paziente in età inferiore ai 20 anni (0.8%), 10 fra i 20 e i 30 anni (8.1%), 17 fra i 30 e i 40 anni (13.7%), 28 fra i 40 e i 50 anni (22.6%), 26 fra i 50 e i 60 anni (21.0%) e 42 in età maggiore di 60 anni (33.8%). E’ stata riscontrata una possibile patologia tiroidea misconosciuta in 45 casi su 124 esaminati (36.3%), compatibile con: gozzo multinodulare in 18 pazienti (14.5%), tiroidite in 9 (7.3%), nodulo unico in 8 (6.5%), patologia cistica in 7 (5.6%) e di ipoplasia in 3 (2.4%).

In base ai risultati della visita sono stati consigliati ulteriori accertamenti, in specifico dosaggi ormonali e/o degli anticorpi anti-perossidasi (anti-TPO) ed antitireoglobulina (anti-TG), in caso di sintomi suggestivi per alterata funzionalità tiroidea o di ecografia con alterazioni strutturali della ghiandola compatibili con tiroidite, malattia autoimmune frequente causa di ipotiroidismo misconosciuto soprattutto nel paziente anziano. In presenza di un nodulo tiroideo singolo questo è stato inviato ad uno studio successivo con ago aspirato (FNAB), in caso di funzionalità tiroidea nella norma e ad una scintigrafia se associato ad iperfunzione. Il gozzo multinodulare con noduli non sospetti è stato il rilievo più frequente nei pazienti esaminati ecograficamente: in questo caso, in assenza di sintomi, è stato raccomandato il solo controllo ecografico periodico e la successiva rivalutazione endocrinologica.

I dati riportati saranno elaborati con quelli ottenuti a livello nazionale: se si confermerà il trend osservato presso la nostra Struttura, con un elevato numero di soggetti con patologia tiroidea misconosciuta, dato peraltro già evidente nelle due precedenti edizioni della “settimana nazionale della tiroide”, verrà confermata ancora una volta l’utilità della iniziativa proposta dal Club delle UEC.

dr.ssa L. De Pasquale – Dirigente Medico U.O. Chirurgia III - Chirurgia Endocrina

Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 1256 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin