Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
La riorganizzazione dei day-hospital e l’area multiprescrizione del San Paolo
Questo primo scorcio del 2007 ha visto le aree di day-hospital del nostro ospedale impegnate in un grosso sforzo riorganizzativo, per risolvere il problema delle multiprescrizioni diagnostiche secondo le necessità di appropriatezza nell’uso dei ricoveri e le recenti indicazioni regionali, ma venendo incontro, allo stesso tempo, ai bisogni dell’utenza che si giova ormai da tempo di questa modalità semplificata di accesso ai nostri servizi.
Dalla fine dell’anno passato è entrata in vigore la Delibera della Giunta Regionale (DGR) n. VII/3111 del 1 agosto 2006, che integra la normativa in materia di ricoveri in regime di day-hospital, ossia quei ricoveri della durata di un solo giorno per i quali il paziente si trattiene presso la struttura ospedaliera solo nel periodo diurno. La DGR ha modificato il ruolo dei dayhospital cosiddetti “diagnostici”, vale a dire quelli dedicati a utenti che necessitino di prestazioni diagnostiche polispecialistiche che possono essere concentrate in una sola giornata. I day-hospital “diagnostici” si distinguono dai cosiddetti “terapeutici”, che forniscono al contrario prestazioni di cura, ad esempio piccoli interventi chirurgici.
In base alle nuove indicazioni, volte a favorire una maggior appropriatezza nell’utilizzo delle risorse del Servizio Sanitario Regionale, il day-hospital “fornisce prestazioni multiprofessionali e plurispecialistiche che non possono essere eseguite a livello ambulatoriale in quanto richiedono sorveglianza od osservazione medica e/o infermieristica protratta nell’arco della giornata”. Dunque la sola integrazione nella stessa giornata di più procedure diagnostiche non è sufficiente a garantire l’appropriatezza del day-hospital prevalentemente diagnostico e lo stesso deve ritenersi opportuno solo nel caso in cui le condizioni cliniche del paziente e/o la complessità delle procedure rendano necessaria una sorveglianza od osservazione medica e/o infermieristica protratta e continuativa nell’arco della giornata. Con la stessa DGR viene stabilito si debba optare per la modalità di erogazione ambulatoriale in mancanza del pieno rispetto di tutte queste condizioni di appropriato utilizzo.
Per ottemperare a quanto stabilito e al fine di non creare disagi per i pazienti che erano in precedenza assistiti in regime di day-hospital, con piena soddisfazione e con ottimi risultati sul piano clinico e organizzativo, si è provveduto a rimodellare le attività diagnostiche, a favore dei pazienti che non necessitino di un’assistenza protratta e continuativa, attraverso una riorganizzazione di tipo prevalentemente amministrativo. In questo contesto, al fine di limitare al massimo i disagi per i cittadini e nell’ottica di un continuo miglioramento dei processi di accoglienza, si è articolato un percorso organizzativo che prevede la prenotazione e l’erogazione delle prestazioni diagnostiche secondo modalità analoghe a quelle previste per i ricoveri in regime di day-hospital, garantendo nel caso anche il necessario ristoro agli utenti con una permanenza prolungata nell’arco della giornata.
Il percorso prevede la prenotazione in un’unica data degli accertamenti eseguibili nell’arco della stessa giornata. Il giorno stabilito il paziente viene accettato presso un’area ambulatoriale, annessa al reparto di competenza. I pazienti vengono sottoposti ai necessari accertamenti, mentre le prestazioni erogate vengono prescritte, a cura degli specialisti ospedalieri, su impegnativa regionale, inserite nel sistema di prenotazione in back-office e rendicontate come prestazioni ambulatoriali.
I pazienti che lo desiderino possono inoltre lasciare delega per il medico ospedaliero che li ha presi in carico, il quale sarà autorizzato a ritirare eventuali esiti di esami e ad anticiparne i risultati.
Tale percorso è stato attivato presso le Unità per le quali esisteva la richiesta di erogazione di prestazioni multiple eventualmente polispecialistiche, ad oggi Medicina, Dermatologia, Pneumologia, Nefrologia, Ostetricia e Ginecologia, Pediatria, Malattie Infettive e Oculistica. I Pazienti non esenti dal pagamento del ticket sono ovviamente tenuti a recarsi presso le casse centrali prima dell’esecuzione delle prestazioni per il pagamento dello stesso, in particolare, i soggetti esenti per patologia possono in alcuni casi essere tenuti alla compartecipazione alla spesa per alcuni accertamenti non compresi nei profili di esenzione (da qui la necessità, che si presenta in numerosi casi, di compilare impegnative distinte per gli accertamenti erogati in regime di esenzione e per quelli erogati in regime di compartecipazione alla spesa). Per questi pazienti è stato attivato uno sportello preferenziale, tutte le mattine presso il Centro Unico Prenotazione della nostra struttura.
Il momento del pagamento è di solito quello successivo agli eventuali prelievi ematici e di altri campioni biologici, realizzati questi ultimi presso i reparti di erogazione delle prestazioni.
È tuttora in fase di valutazione, in relazione ai volumi di attività, l’opportunità di prevedere degli sportelli per l’esazione del ticket decentrati presso i reparti, onde evitare ai pazienti il disagio di recarsi alle casse centrali.
Questo tipo di riorganizzazione ha comportato oltre all’impegno dello staff amministrativo e delle unità di degenza, la soluzione di problemi informatici ancora in corso di perfezionamento e potrà consentire una gestione modulata dell’attività secondo le esigenze dei diversi reparti. Tutto l’iter diagnostico viene ovviamente registrato su una cartella ambulatoriale anziché su una cartella clinica di ricovero. In questo senso, anche per meglio corrispondere alle esigenze di completezza, affidabilità, rintracciabilità e qualità nella compilazione, è in fase di attivazione una informatizzazione delle cartelle ambulatoriali che corrisponda contemporaneamente alle esigenze del Progetto Carta Regionale dei Servizi - Sistema Informativo Socio Sanitario (CRS-SISS) del quale la nostra Azienda è partecipe.
Grazie all’impegno dei nostri operatori, l’utenza del San Paolo continuerà dunque a poter accedere a servizi diagnostici polispecialistici facilmente fruibili pur rispettando le necessità di appropriato utilizzo delle risorse sanitarie.

Direzione Medica di Presidio


Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 398 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin