Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
L’A.O.San Paolo - Unità Dipartimentale di Oftalmologia Pediatrica in Ghana
Giorno 29 dicembre 2006 aeroporto di Milano Malpensa, il prof. Paolo Nucci, il dr. Massimiliano Serafino, il dr. Fabio Mazzolani, e la sig.ra Monica Caiazza sono pronti per partire per il Ghana per un missione umanitaria per la cura delle malattie oculari dell’età pediatrica. Valigie, scatoloni pieni di farmaci e un bel carico di entusiasmo. Arrivati all’aeroporto di Accra inizia un viaggio di un’ora in jeep per raggiungere la missione: il Comboni Centre.
Sono le 2 del mattino e giunti nel Centro una figura spunta dal buio, è Padre Riccardo Novati (Father Richard).
Presentazioni, una bella cena e poi tutti a dormire, ne parliamo domani. Il giorno dopo si comincia con un giro di ricognizione dell’ambulatorio e della sala operatoria. Non male considerando il contesto economico-sociale.
Il lavoro comprende decine e decine di visite al giorno contemporaneamente a sedute operatorie, il tutto possibile grazie alla attiva collaborazione della sig.ra Grace e del personale infermieristico. Dopo due settimane di soggiorno si è riusciti a visitare oltre 400 persone e a operarne poco più di trenta. Ci si è trovati di fronte ad una struttura ben organizzata e completamente auto-finanziata dove centinaia di pazienti possono giovare dell’aiuto di medici stranieri che si avvicendano tutto l’anno. Si deve sottolineare, comunque, che il Sistema Sanitario Nazionale africano si basa quasi esclusivamente su un sistema sanitario privato; gran parte delle persone rinuncia alle cure per la mancanza di soldi o deve richiedere l’aiuto dei parenti.
Inoltre è ancora fortemente radicata in alcuni villaggi la presenza di stregoni che continuano a sostituire la medicina tradizionale. L’esperienza in questi Paesi rimane di grande impatto emotivo. Sono necessari però, a nostro avviso, rapporti continuativi con i Paesi in via di sviluppo con l’intento di formare medici del luogo e garantire negli anni un sistema autosufficiente non troppo arretrato rispetto agli standard mondiali.

prof. Paolo Nucci, dr. Massimiliano Serafino - U.D. Oftalmologia Pediatrica e Strabismo, Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano


Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 403 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin