Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
Valutazione del Direttore Generale: attività svolta
1. Dott. Catarisano, il 1 gennaio 2006 Lei è stato nominato Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Paolo. Quali sono stati i Suoi prioritari propositi di gestione di una così importante Azienda Ospedaliera?
L'Ospedale San Paolo quale ospedale moderno produce salute, amplia il suo ruolo sociale ed è al centro di una rete di servizi. Inoltre, quale polo universitario, sviluppa ricerca e studio.
Quando sono stato nominato Direttore il principale obiettivo è stato quello di portare a compimento dei progetti già avviati:
- Cascina Cantalupa
- Ospedalizzazione domiciliare e cure palliative
- Progetto accoglienza
- Collaborazione con IEO
- Realizzazione nuova farmacia
- Aggiornamento tecnologico
- Convezione con Università degli Studi di Milano per TAC/PET
- Compartimentazione Antincendio
- Reparto Libera Professione
- Servizio di Emodinamica.
In seguito l’attività si è incentrata anche su un’altra serie di progetti che sono ancora in fase di realizzazione:
PROGETTI DA ATTUARE A BREVE TERMINE
- Bar
- Sicurezza
- Parcheggio
- Reparto Malattie Infettive
PROGETTI DI MEDIO E LUNGO TERMINE
- Ristrutturazione del Pronto Soccorso
- Riorganizzazione strutturale e logistica del presidio
PROGETTI REGIONALI
- Progetto Regionale CRS-SISS
- Applicazione del programma JCI

2. A distanza di due anni ritiene di avere ottenuto i risultati che si era prefissato?
Ritengo che la risposta migliore stia nei fatti. Basta andare in giro per l’Ospedale per rendersene conto.

3. Nel corso della Sua gestione si sono stipulati anche degli Accordi internazionali, mi riferisco a quelli con la Bielorussia e la Palestina. Quanto è soddisfacente e necessario aiutare popolazioni che hanno necessità della collaborazione di Paesi più evoluti?
È necessario in quanto si migliora il livello di assistenza medica verso queste popolazioni in particolare nei settori della chirurgia maxillo- facciale, della pediatria, dell’oculistica, dell’otorinolaringoiatria, della dialisi e del trattamento della disabilità grave, sviluppando quindi dei rapporti bilaterali e percorsi di formazione al personale medico.

4. Il San Paolo si contraddistingue non solo per i Servizi e prestazioni offerti al pubblico ma anche per gli insegnamenti universitari erogati ai nostri giovani studenti e per la ricerca scientifica effettuata nel Polo Universitario.
Ritiene una Azienda Sanitaria così completa abbia ancora margini di miglioramento? La cura affiancata alla ricerca e alla formazione deve sempre tendere verso il miglioramento continuo.

5. Il San Paolo è un Ospedale, al pari degli altri nosocomi cittadini, eccellente punto di riferimento per i cittadini milanesi, lombardi ed anche provenienti dall’intero territorio nazionale. Pensa che questa affermazione sia corretta?
Il San Paolo accoglie per circa il 10% della propria attività assistenziale pazienti provenienti da altre Regioni. Da ciò si desume che è sicuramente un ospedale di riferimento per le sue eccellenze, non solo per i cittadini del proprio bacino territoriale, ma anche per i cittadini lombardi e non.
Elenco i nostri punti di eccellenza riconosciuti quali centri di riferimento regionale:
- Centro per le labiopalatoschisi
- Centro regionale per l’epilessia
- Centro per le malattie metaboliche in ambito pediatrico
- Centro retinite pigmentosa

6. Dott. Catarisano, Lei, personalmente, si è contraddistinto per il Suo comportamento etico e morale che, pur nella gestione tecnica, non ha mai perso di vista il rapporto umano con i Suoi collaboratori e soprattutto con i malati; quanto è importante in un ospedale moderno sviluppare la comunicazione, l’informazione, il dialogo e l’accoglienza al paziente-utente?
È molto importante poiché l’evoluzione assistenziale nei tempi moderni non deve limitarsi soltanto alla cura medica, ma anche sviluppare la comunicazione, l’informazione e soprattutto valorizzare l’accoglienza migliorando i comportamenti nell’approccio con il paziente.

7. A fine anno scadono gli incarichi per i Direttori Generali della Regione Lombardia; nell'auspicare la Sua conferma al San Paolo vorrei chiederLe infine quali potranno essere gli scenari del Servizio Sanitario Lombardo per il 2008: i cittadini avranno cure sempre più efficaci in tempi ragionevoli? Le regole 2008 tendono ad una sostanziale conferma dei livelli assistenziali perseguiti nel 2007, con la tendenza ad eliminare i disagi dei cittadini per le liste di attesa non solo per le prestazioni ambulatoriali, ma anche per i ricoveri, nonché a migliorare l'appropriatezza delle prestazioni.

dott. Giuseppe Catarisano - Direttore Generale A.O. San Paolo


Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 486 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin