Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
Azienda Ospedaliera San Paolo Unità Operativa di Oncologia Medica (prof. Paolo Foa) Unità di Cure Palliative-Assistente domiciliare (dr.ssa Laura Piva) Via A. di Rudinì, 8 - 20142 Milano - tel. 3482257177 - 2.8184.4132/4491/3
ALCUNE INFORMAZIONI SULL’ATTIVITA’ DELLA UNITA’ DI CURE PALLIATIVE (Struttura Semplice della UNITA’ OPERATIVA DI ONCOLOGICA MEDICA) DELLA AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO DI MILANO
L'UNITA' DI CURE PALLIATIVE dell'Azienda Ospedaliera San Paolo dispone di servizi sia ospedalieri sia domiciliari, rivolti ai malati con malattie croniche, in particolare verso i malati oncologici.
· AMBULATORIO per le cure di supporto (principalmente per la terapia del dolore e dei sintomi), rivolto ai malati ambulatoriali (anche non seguiti presso la A.O. San Paolo); all'ambulatorio si accede previo appuntamento (02.8184.4132 oppure 348.2257177), con una richiesta su ricettario regionale del proprio Medico di Medicina Generale.
· DAY-HOSPITAL per le cure di supporto al malato oncologico, a cui si accede su indicazione del Medico di Cure Palliative della Unità di Cure Palliative del San Paolo. Sono erogate prestazioni di: infusioni endovena, titolazione dei farmaci analgesici, esami strumentali, prelievi ematici,visite specialistiche.
· CONSULENZA di terapia del dolore e di supporto (non solo relativo ai sintomi fisici) per i malati ricoverati nei diversi reparti della A.O. San Paolo. La consulenza è attivata su richiesta del medico di reparto.
· SERVIZI DOMICILIARI, di seguito illustrati.
· SUPPORTO DOMICILIARE ai malati oncologici che, in una qualche fase terapeutica sviluppino complicazioni tali che non gli consentono di recarsi in Ambulatorio/Dh di Oncologia.
· ASSISTENZA DOMICILIARE ai malati oncologici in fase avanzata/terminale di malattia.
Dal 1 Marzo 2005, il Servizio rientra nel progetto Regionale "Piano Urbano" di Ospedalizzazione Domiciliare Cure Palliative, che è attivo su tutto il territorio della ASL Città di Milano e che coinvolge, oltre al San Paolo, altre 5 Aziende Ospedaliere e 1 IRCCS milanesi (A.O. San Paolo, A.O. San Carlo, A.O. Istituti Clinici di Perfeziona-mento, A.O. Luigi Sacco, A.O. Fatebenefratelli, A.O. Niguarda Cà Granda, I.R.C.C.S. Istituto Nazionale per lo studio e la cura del Tumori).

Lo scopo del Servizio di Cure Palliative dell'Ospedale San Paolo è di offrire, accanto al Medico di Medicina Generale (medico di base), un servizio gratuito di supporto terapeutico-assistenziale e psicologico al malato e alla famiglia con il fine di garantire la migliore qualità di vita possibile al malato e alla famiglia.
Quando il malato oncologico ha difficoltà a recarsi in Ambulatorio o in DH, interviene il nostro Servizio di Supporto o quello di Assistenza Domiciliare. L'équipe domiciliare, è composta da medici, infermieri, psicologo, assistente spirituale e volontari di compagnia; questi ultimi possono essere presenti 2-4 ore alla settimana accanto al malato e alla famiglia, fornendo loro un sostegno non solo di compagnia, ma anche pratico.
A domicilio del paziente si effettuano molte prestazioni mediche quali:
• Visita medica e infermieristica di valutazione delle condizioni del malato;
• Impostazione e prescrizione della terapia domiciliare (per il controllo del dolore e degli altri sintomi);
• Collaborazione con il Medico di Medicina Generale;
• Supporto psicologico al paziente, se richiesto;
• Esecuzione di alcuni trattamenti, se possibili al domicilio;
• Prescrizione dei farmaci su ricettario regionale;
• Prescrizione dei farmaci antalgici sull'apposito ricettario ministeriale;
• Consegna gratuita di ausili e presidi (sedia a rotelle, materasso antidecubito, ecc).

L'infermiere di assistenza domiciliare, che funge da stretto anello di congiunzione fra il malato, la famiglia e i componenti dell'équipe:
• aiuta la famiglia nell'igiene personale del malato durante le visite domiciliari;
• esegue le medicazioni di ferite o piaghe da decubito, la detersione del cavo orale, i prelievi ematici, le fleboclisi, i cateterismi vescicali, l'igiene intestinale, se e quando necessari;
• dà alla famiglia consigli sanitari e insegnamento sanitario;
• attiva le strutture che erogano gratuitamente i presidi sanitari (materasso antidecubito, sedia a rotelle, ecc.), ove possibile.

Il volontario:
• collabora con i familiari per risolvere le necessità non sanitarie del malato;
• dà la sua compagnia al malato e alla famiglia.

Lo psicologo:
• è a disposizione per colloqui con la famiglia e con il malato, se necessario;
• aiuta e supporta il paziente, la famiglia e l'équipe nelle scelte decisionali;
• segue un progetto di assistenza al lutto per le famiglie.

I servizi domiciliari (sia quello di supporto, sia quello di assistenza domiciliare):
• sono gratuiti;
• operano con visite programmate di medico, infermiere, volontari, psicologo, assistente spirituale;
• hanno attivato una pronta disponibilità diurna (ore 8-20), sia feriale sia festiva;
• hanno attivato una reperibilità notturna solo telefonica.

Come si attivano i servizi domiciliari
Il servizio di supporto e il servizio di assistenza domiciliare, si attivano attraverso queste modalità operative:
• segnalazione di un medico della necessità del servizio domiciliare;
• appuntamento in sede (fissato telefonicamente) con un membro della famiglia (meglio se referente della famiglia stessa) per colloquio e valutazione della presenza della eligibilità del paziente al servizio domiciliare;
• in caso di eligibilità, apertura di fascicolo clinico;
• con la presa in carico del paziente, si decide la data della prima visita domiciliare che sarà comunicata telefonicamente dagli operatori stessi alla famiglia;
• programmazione delle visite successive alla prima, che saranno concordate di volta in volta, secondo il programma di programmazione e coordinamento deciso dal servizio in base alle condizioni generali del paziente;
• su segnalazione del medico e dell'infermiere, in accordo con la famiglia, il servizio attiva di:
- Volontari domiciliari di compagnia;
- Psicologo per il malato, se richiesto dal malato (visite al domicilio);
- Psicologo per i familiari che lo ritenessero opportuno (visite in sede);
- Assistente spirituale, se richiesto.

Con chi collaboriamo
Le seguenti Associazioni/Fondazioni e Onlus collaborano attivamente con noi:
Fondazione Floriani, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, Fondazione Maddalena Grassi, Associazione F.A.R.O. di Milano, Associazione Guida. I nostri numeri telefonici 348. 2257177 oppure 02.8184.4132 (Unità di Cure Palliative) oppure 02.8184.4491/4493 (U.O. Oncologia Medica e DH)
Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 493 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin