Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
A.O. San Paolo con DAMA verso la nascita di una rete dedicata
Sono passati ormai più di sette anni dall'inizio dell'attività di DAMA ( Disabled Advanced Medical Assistance) all'Ospedale San Paolo, ed il 2008 si annuncia ricco di iniziative concrete orientate al perfezionamento della qualità ed efficienza dei servizi offerti, oltre che alla comunicazione e diffusione del modello di assistenza ed accoglienza medica dedicato alle persone con disabilità gravi intellettive e neuromotorie. Quest'ultima è una delle priorità espresse anche nel piano socio-sanitario 2007-2009 della Regione Lombardia (3.14 Continuità del percorso assistenziale ospedale territorio per il paziente disabile: ……
L'esperienza maturata in Regione Lombardia con il Progetto DAMA, promosso a partire dal 2002 presso l'Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano-Polo Universitario, in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano e le Associazioni dei Familiari, ha dimostrato l'efficacia, l'efficienza e la qualità di un modello di assistenza sanitaria dedicato specificatamente al paziente disabile grave che necessita di interventi diagnostici - terapeutici in ambito specialistico.
L'obiettivo di questo PSSR sarà, conseguentemente, quello di sviluppare ulteriori modelli di "accoglienza medica per il disabile grave in ambito ospedaliero" nel territorio lombardo.)
Nel corso di questi anni DAMA ha preso in carico un numero sempre crescente di pazienti gravemente disabili che oggi ha superato i 3000, ovvero quel numero che era stato anticipato essere un limite strutturale per la sola Azienda Ospedaliera San Paolo, in considerazione della complessità degli interventi che si rendono necessari per offrire le opportune risposte in tempi rapidi e con efficacia.
Emerge quindi la necessità di istituire una vera e propria rete di assistenza con altri poli, sia nella provincia di Milano, che a livello regionale. Molte sono inoltre le iniziative che si stanno concretizzando in altre Regioni (Puglia - Emilia-Romagna - Piemonte) sul modello di DAMA, tanto da rendere opportuna l'organizzazione di un incontro (giornata di lavoro) al quale possano partecipare tutte le realtà interessate, oltre alla costituzione da parte dell'Azienda Ospedaliera di una task force per la fase di start-up nei diversi centri.
Dal 2007 DAMA ha iniziato ad operare, per l'attività ambulatoriale e di Day Hospital, in nuovi ambienti ubicati al 4 piano del Blocco A; questo cambiamento ha permesso di ottimizzare l'impiego delle risorse, sia umane che strutturali, contribuendo a migliorare ulteriormente la disponibilità di accoglienza degli assistiti in ospedale.
Tuttavia il numero di pazienti in carico e delle prestazioni effettuate porta inevitabilmente a considerare la necessità di immaginare nuove soluzioni logistiche che consentano di intervenire sul miglioramento della "qualità" dell'accoglienza.
DAMA è nato con l'obiettivo di offrire una risposta tempestiva ai problemi di salute emergenti delle persone portatrici di gravi disabilità intellettive e neuromotorie, e questo rimane ancora oggi il principio cardine di tutta l'Equipe. Per questo, nonostante il superamento della soglia dei 3000 assistiti, cercherà di soddisfare tutte le richieste che arriveranno dalle famiglie e dal territorio, consapevoli comunque che la risposta più concreta da offrire è la costituzione di una "rete" di assistenza con i medici di famiglia, le strutture sanitarie residenziali, gli altri poli ospedalieri e le associazioni.

dott. Roberto Rossi - Dirigente Responsabile Ufficio Relazioni con il Pubblico

Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 533 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin