Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
I laboratori di Biologia Applicata
L'unità di ricerca di Biologia Applicata ha trasferito di recente la sua afferenza al Dipartimento di Medicina Chirurgia e Odontoiatria del Polo San Paolo. Diretta dal Prof. Gabriele Milanesi, l'unità ha nello studio della biologia molecolare dei virus umani la sua principale tematica.
Il gruppo, precedentemente afferente al Dipartimento di Biologia e Genetica per le Scienze Mediche e in stretta collaborazione con l'Istituto di Genetica Molecolare del C.N.R. di Pavia, ha contribuito allo sviluppo di conoscenze di base nello studio di geni e proteine di virus patogeni dell'uomo, fra cui i papovavirus (JCV, BKV), HIV-1, HBV ed il citomegalovirus umano (HCMV), con un costante interesse per le ricadute biotecnologiche dei progressi ottenuti.
L'attività di ricerca, coordinata dal prof. Andrea Gallina, è focalizzata da alcuni anni sull'individuazione di nuovi bersagli per la terapia dell'infezione da HCMV, nell'ambito di collaborazioni nazionali ed internazionali. HCMV, il virus con il genoma più grande fra gli otto herpesvirus che infettano l'uomo, è la principale causa infettiva di difetti congeniti nell'uomo, soprattutto a carico del sistema nervoso centrale (il ritardo mentale legato ad infezione congenita da HCMV ha incidenza simile a quello da X fragile). È inoltre un pericoloso opportunista in condizioni di immuno-deficienze congenite o acquisite.
La capacità di produrre infezioni latenti negli adulti immunocompetenti rende HCMV un agente endemico delle popolazioni umane. Questa situazione epidemiologica pone un serio rischio nella gravida sieronegativa e nei riceventi di trapianti d'organo, nei quali l'immunosoppressione terapeutica può indurre la riattivazione dell'infezione, facendo di HCMV una causa frequente di complicazioni, anche letali, del decorso posttrapianto.
Dei quattro principi attivi anti-HCMV usati in clinica (Ganciclovir, Cidofovir, Foscarnet e Maribavir), nessuno ha ricevuto l'appovazione per l'uso in gravidanza, a causa della elevata tossicità. La stessa tossicità può, inoltre, impedire l'adozione di posologie efficaci nei pazienti immunosoppressi, con la conseguente insorgenza di varianti resistenti.
Tre dei quattro composti anti-HCMV agiscono sul medesimo bersaglio (la DNA polimerasi virale), limitando così l'efficacia di strategie combinatoriali. Da tutto ciò deriva la classificazione di HCMV come problema clinico irrisolto e ne spiega l'indicazione come obiettivo vaccinale di massima priorità da parte dell'US Institute of Medicine. Gli studi più recenti condotti dall'unità di Biologia Applicata hanno dato permesso l'identificazione dei geni virali che determinano il tropismo cellulare di HCMV e hanno evidenziato le interazioni molecolari implicate nella penetrazione del virus nelle cellule.
Inoltre, nel corso di un progetto parallelo, è stata caratterizzata una proteina di HCMV la cui azione è legata all'inibizione della risposta anti-virale della cellula infettata. Da questi filoni sono attese conoscenze che permettano di sviluppare nuove strategie farmacologiche e/o vaccinali per il trattamento dell'infezione acuta. Nella didattica, l'unità è impegnata presso il Polo San Paolo e in altre sedi (Polo centrale, Istituto Clinico Humanitas, Istituto dei Tumori) con l'insegnamento di Biologia e Genetica nel corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, di Biologia Generale nel corso di Laurea Triennale in Ostetricia, di Basi Biologiche della Vita nel corso di Laurea Triennale in Infermieristica, di Scienze Biologiche nel corso di Laurea Triennale in Igiene Dentale, di Chimica Biochimica Biologia e Genetica nel corso di Laurea Triennale in Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia.

prof. Andrea Gallina - professore associato di Biologia Applicata-Università degli Studi di Milano

Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 610 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin