Logo Ao San Paolo
Giovedì 31 Marzo 2016
Benvenuto
PRENDERE IN CURA E INSEGNARE A CURAREVia A. Di Rudinì, 8 20142 MILANO - tel. 02/8184.1 - P. IVA 09321970965   
Il San Paolo 
- Chi siamo
- La storia
- La nostra Mission
- Visita l'Ospedale
- Filmati Aziendali
- Giornale Aziendale
- Direzione Strategica
- Collegio dei Sindaci
- Nucleo valutazione delle prestazioni
- Organismo di vigilanza codice etico comportamentale aziendale
Informazioni UtiliInformazioni Utili 
- Informazioni generali
- Dove siamo
- Orari sportelli
- Modalità di prenotazione
- Richiedi la tua
documentazione clinica

- La vita in reparto
- Numeri telefonici utili
- Servizi a Voi dedicati
- Carta dei servizi
- Carta dei Servizi Punto Nascita
- U.R.P. e U.P.T.
- Stampa & Comunicazione
- Elenco Siti tematici
Logo UrpUfficio Relazioni con il Pubblico
Ambulatorio Counseling Educazione Sanitaria
News
QUALITA’ ED INNOVAZIONE NELLA MEDICINA NUCLEARE
Solo due anni fa il destino dell'U.O. di Medicina Nucleare dell'A.O. San Paolo era ancora indeterminato e il suo futuro incerto tra regressione ed innovazione. Oggi, grazie alla convergenza di intenti Istituzionali tra A.O. San Paolo e Università di Milano e al lavoro di tutti i componenti dell'U.O. di Medicina Nucleare in sinergia con la componente amministrativa della Azienda Ospedaliera sono evidenti i risultati di un’evoluzione positiva.

Le prove di questa trasformazione sono la conclusione della gara regionale per l'acquisto di una nuova gamma-camera che verrà installata in tempi brevi; l'avvio del bando di gara per l'acquisto dell'apparecchiatura PET-TC con fondi dell' Università di Milano e l'avvio del bando di gara per la completa ristrutturazione degli spazi dell'U.O. di Medicina Nucleare, con un progetto gestito dall'A. O. San Paolo, che prevede anche la ristrutturazione della radiofarmacia e dei relativi impianti tecnologici secondo le normative che entreranno in vigore nell'estate 2009.

Il numero di apparecchiature rimarrà invariato, ma si realizzerà in un periodo di tempo molto breve un salto di tecnologia di due generazioni. Le innovazioni che si realizzeranno a pieno con l'entrata in funzione del reparto dopo la ristrutturazione nella seconda metà del 2009, rappresentano tuttavia solo una parte degli obiettivi raggiunti. Gli altri tre principali risultati dell'attività degli ultimi due anni sono: un miglioramento della qualità delle prestazioni in termini di varietà e tempestività di esecuzione, con abbattimento totale delle liste d'attesa e consegna del referto entro tre giorni dallo svolgimento dell'esame; un aumento del numero di prestazioni totali con un miglioramento del risultato economico in linea con gli obiettivi di budget dell'U.O. concordati a livello aziendale; un'ottimizzazione delle attività attraverso l'implementazione di un sistema di qualità formalmente certificato.

L'attività dell'U.O. di Medicina Nucleare è ora focalizzata principalmente sulla diagnostica in-vivo, mentre sono state ridimensionate sia l'attività di laboratorio, condivisa ora con il laboratorio centrale aziendale, sia l'attività di terapia con radiofarmaci. Questo ha permesso agli operatori di concentrare l’attività sulla diagnostica in-vivo con un emergente obiettivo: la qualità. Per il conseguimento del risultato è stato determinante il ruolo di tutti gli operatori dell’Unità Operativa di Medicina Nucleare.

Ciascuno, lavorando sul proprio obiettivo di miglioramento e la formazione, ha conseguito come risultato personale e collettivo un miglioramento della qualità del servizio. In questo processo non vi sono state differenze di anzianità e ruolo; l'impegno di tecnici, medici, infermieri, operatori sanitari e amministrativi, fisici, biologi, specializzandi, universitari, ospedalieri (tanto varia è la composizione dell'U.O.!) è stato, armonico e ispirato al raggiungimento di obiettivi comuni, mai imposti ma sempre condivisi.

L'attenzione al pubblico, la chiarezza degli obiettivi concordati con la Direzione Strategica dell'Azienda, la tenacia nell'organizzazione e la puntualità ed accuratezza nell'esecuzione delle attività all'interno dell'U.O., la ricerca di soluzioni, anche nelle situazioni complesse, hanno portato al risultato atteso. Questo risultato non è tuttavia il traguardo finale per l'U.O. di Medicina Nucleare ma una tappa, senza dubbio importante, di un percorso. Siamo coscienti che nel corso del prossimo anno ci attendono nuovi obiettivi, e approfittando della necessità di sospendere l'attività diagnostica per i lavori di ristrutturazione, l'attenzione sarà rivolta alla formazione del personale, peraltro già avviata con successo, perché le attività che seguiranno l'installazione delle nuove apparecchiature possano essere svolte in modo efficiente ed efficace con il più alto livello di competenza per la soddisfazione del pubblico e in modo economicamente sostenibile.

Alla fine del 2009, combinando i risultati della ristrutturazione e della formazione si potrà realizzare una sinergia di mezzi e persone che permetterà all'A.O. San Paolo di essere ancora più vicina ai bisogni dei pazienti, e all'Università di Milano di impiegare le risorse investite in questo progetto per svolgere meglio la propria funzione didattica e di ricerca in una visione di miglioramento dei processi di diagnosi e cura. Questo risultato non sarebbe stato ovviamente possibile senza il ruolo determinante della Direzione Strategica Aziendale, che ha creduto in un progetto, dell'Ufficio Tecnico che ha contribuito a disegnarlo e senza il supporto degli Uffici deputati al Controllo di gestione, Approvvigionamenti, Marketing, Convenzioni, Personale, ecc., senza l'impegno della Direzione Medica di Presidio e del Servizio infermieristico tecnico - riabilitativo aziendale. Al risultato ha contribuito anche la volontà del Rettore e del Prorettore dell’Università di Milano e quella del Preside della Facoltà di Medicina di migliorare l’offerta didattica e le opportunità di ricerca.

Per questa evoluzione tutti noi dell'U.O. di Medicina Nucleare siamo grati alla Direzione Strategica e proviamo un senso di soddisfazione che deriva dal fatto di essere parte attiva in una comunità riscuotendo l’apprezzamento del pubblico e la fiducia della nostra Amministrazione. Siamo grati alla Direzione strategica dell’A. O. San Paolo per la fiducia riposta in noi e per averci dato questa opportunità di contribuire al miglioramento della struttura nella quale operiamo e siamo grati infine a tutti coloro che ci hanno sostenuto in questo progetto.

prof. Giovanni Lucignani - Direttore U.O. Medicina Nucleare

Per commenti e/o informazioni: urp@ao-sanpaolo.it

Torna all'elenco
Powered by Sanihelp.it - Salute e Benessere 992 
Health Promotion Hospital
Health Promoting Hospital
Informativa sulla privacy Intranet Aziendale Admin
Admin